.

  .

.

Vision

L'opera sfrutta la naturale inclinazione umana a vedere volti e antropomorfismi in oggetti di ogni tipo e consiste in un disegno che sfrutta il meccanismo della persistenza delle immagini nella retina.

La fruizione di questa realizzazione artistico-sensoriale prevede una particolare tecnica di visione. Occorre osservare il disegno sottostante da 20-30 cm di distanza, fissare senza distrarsi i tre puntini bianchi sul lato destro del naso contando fino a 30 e poi spostare lo sguardo nella parte accanto libera da altri disegni, fissate il centro e se necessario sbattere le palpebre…

Vedrete una giovinetta!

     

M. GALLORINI, Visione, 2004, Acrilico, cm. 30x42.

 

 

 

.

  .

Top