L'olografia arriva a Miss Italia 2009

Salsomaggiore, 12 settembre-14 settembre 2009

Pagina a cura di Brocchi Giamila, Guiducci Marco & Gualdani Gloria

-A breve saranno disponibili i filmati dell'evento-

Grazie ad un accordo con la Hologran, gli studenti della IV A dell’ indirizzo elettronico-informatico dell’ ITIS “Galileo Galilei” di Arezzo, con il contributo della fondazione “Arte&Co.Scienza” e coadiuvati dal Prof. Massimo Gallorini, si sono resi protagonisti a Miss Italia. Non sul palco, dove per fortuna le protagoniste sono rimaste le ragazze, ma per quello che riguarda il dietro le quinte. Il lavoro è stato organizzato e commissionato dalla Hologram, che ha curato anche tutti i contatti con la Rai e finanziato il progetto. E' stato un lavoro non da poco, dato che hanno creato dal nulla l’ immagine di una seconda Milly Carlucci; due Milly, che spettacolo !! Purtroppo però, la seconda non è reale ma è solo una riproduzione olografica mandata in tempo reale. Un’ immagine ferma e sorridente?? Assolutamente no. La “finta” Milly rideva e scherzava sul palco parlando  con l’originale, telecomandata in regia dai tecnici della Hologram. Sono stati realizzati quattro sketch olografici su tre puntate, più il gran finale dell’ultima sera. I maestri di questi disegni olografici sono stati soprattutto Michael Gadani, Antonio Landro e Haoze Yu, studenti appunto della IV A e/i  (che ora è la V A, per loro fortuna ). Ma vediamo ora cosa ne pensa Milly; riportiamo qui di seguito alcune parti dell’ intervista presa dal settimanale “Di più” del 19 ottobre 2009:

Questa fantastica avventura è iniziata per gli studenti appena finite le fatiche scolastiche con una prima missione a Roma, presso gli studi RAI di via Teulada.

- Appena arrivati, da perfetti sconosciuti, superare la barriera di sicurezza è stato un bel problema… e uno di loro, minorenne per pochi giorni è rimasto fuori. Dopo alcune peripezie, comunque, è stato loro possibile fare dei provini presso lo studio dove viene girato “Porta a porta”.

- Già in quella sede, c’ è stata l’ esperienza di un  primo incontro con Milly, che si è dimostrata professionale e allo stesso tempo molto simpatica e alla mano con gli studenti.

- L’astronave olografica fatta da Yu Haoze è stato uno dei pezzi forti che assieme a provini di ballerine e personaggi vari hanno convinto i tecnici Rai della fattibilità dell’evento.

- Ad agosto sono iniziati i viaggi a Salsomaggiore, dove è stato possibile rendersi conto di come una grande struttura sportiva può essere trasformata in un mega studio televisivo con tanto di effetti speciali

- Durante questi viaggi sono stati definiti la location dell’ evento all’ interno dello studio e i dettagli tecnici per la gestione dell’ evento olografico, in modo da rendere invisibile tutta la tecnologia che gli sta dietro.

- Con l’ ultimo viaggio, sono state effettuate le riprese a Milly, che con pazienza e responsabilità ha reso possibili impeccabili riprese con la tecnica del LumaKey

- Una delle fasi più importanti del lavoro è stata quella necessaria per trasformare il materiale girato in un filmato in alta risoluzione, conforme agli standard tecnici per le rappresentazioni olografiche.

 

 

 

Top