Info                        Manifesto Tecnoetico

    
Parlare di “tecnoetica” in un contesto artistico significa poter racchiudere in una sola parola sei diversi concetti collegati tra loro da un filo forse invisibile ad un primo sguardo fuggevole e distratto, ma in realtà forte e saldo. ARTE (technè), SCIENZA, TECNICA, NOETICA, ETICA (e, dunque, COSCIENZA) si compenetrano in un percorso di conoscenza e contemplazione che parte dall’occhio e arriva alle radici dell’uomo.

    La noèsis è la chiave di volta, è la conoscenza intuitiva delle implicazioni tecniche ed etiche che si ottiene in relazione con l'arte, è un connubio sinergico estetico-scientifico, reso possibile dal pensiero immediato materializzato grazie alle immagini mentali evocate dalle opere d'arte, in una dimensione etica che racchiude sia l’arte sia la conoscenza stessa e, dunque, l’uomo, con tutti i suoi limiti e la sua forza. In altri termini, è l’unione armoniosa di dimensioni molteplici e distinte che si coniugano a scopo cognitivo.

    Per questi motivi Arte & Co.Scienza si definisce Fondazione tecnoetica, perché volta a coinvolgere l’uomo nella sua totalità, a stimolare i suoi sensi e a conquistare la sua mente, a farlo godere del bello, ma anche a riflettere su quello che osserva, ad insegnargli a conoscere al di là dell’apparenza, a non fidarsi di una semplice percezione, a vedere con l’occhio della mente e a valutare col cuore nel senso più alto dell’espressione, in piena coscienza, libero da ogni forma di condizionamento per un FUTURO A MISURA D’UOMO.